Sei qui: Home Imposte e tasse I.C.I. Imposta Comunale sugli Immobili

I.C.I. Imposta Comunale sugli Immobili

PDF  Stampa  E-mail 

ALIQUOTE PER L'ANNO 2011

  • Aliquota unica: 6,00 per mille
  • Detrazione sull'abitazione principale: € 103,29;

Aliquote approvate con Deliberazione del Consiglio Comunale  N. 3 del 30/03/2010

COS'E'?

L'ICI è l'imposta comunale sugli immobili. Per immobili si intendono i fabbricati a qualsiasi uso destinati (abitazioni, attività) e i terreni (fabbricabili e agricoli).

RIFERIMENTI NORMATIVI

  • Decreto Legislativo 504 del 30 dicembre 1992 e successive modifiche ed integrazioni.
  • Regolamento comunale

CHI DEVE PAGARE?

L'imposta deve essere pagata dal proprietario di fabbricati, aree fabbricabili, e terreni agricoli a qualsiasi uso destinati. Se sugli immobili sussistono dei diritti reali di usufrutto, uso o abitazione saranno i beneficiari del diritto a dover effettuare il versamento. Il "nudo proprietario" non è quindi soggetto all'imposta che spetta a chi gode di un diritto reale sull'immobile.

Con D.L n. 93 del 29/05/2008 dal 2008 è esclusa dall'ICI l'unità immobiliare adibita ad aitazione principale e relative pertinenze. Per unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo si intende quella di residenza anagrafica.

QUANDO E COME SI DEVE PAGARE?

Il Comune a partire dall’anno 2000 ha optato per la riscossione diretta dell’imposta, pertanto i versamenti dovranno essere effettuati:

  • presso gli uffici postali, con apposito bollettino di c.c.p. n. 12964110 intestato a: Comune di NOMAGLIO SERV. TESORERIA – I.C.I. oppure tramite INTERNET nel sito www.poste.it,
  • tramite F24

Il pagamento della 1° rata (acconto) è pari al 50% dell’imposta dovuta per l’intero anno e deve essere eseguito dal 1° al 16 giugno 2010. La seconda rata (saldo) deve essere versata nel periodo dal 1° al 16 dicembre 2010.

Si ricorda che dall’anno 2008 le unità immobiliari adibite ad abitazioni principali e le relative pertinenze sono totalmente esenti dal pagamento dell’I.C.I.-

Si ricorda che per i fabbricati iscritti in Catasto, la rendita risultante negli atti al 1° gennaio dell’anno in corso, deve essere aumentata del 5% a seguito della rivalutazione applicata nel 1997 mentre i terreni agricoli sono esenti.

DICHIARAZIONE

A partire dal 2008 La dichiarazione ICI non deve più essere presentata.

SU COSA SI PAGA?

L'ICI è dovuta sui fabbricati, sulle aree fabbricabili.

I terreni agricoli sono esenti su tutto il territorio Comunale

La base imponibile è il valore degli immobili o dei terreni assoggettati all'imposta.
Nel caso dei fabbricati il valore viene determinato moltiplicando la rendita attribuita o presunta al 1° gennaio dell'anno (aumentata del 5%) per un coefficiente che cambia a seconda della destinazione d'uso del fabbricato.

Gruppi A,B,C » RENDITA X 100
(alloggi, autorimesse, tettoie, ecc.)

Categoria A/10 » RENDITA X 50
(uffici, studi privati)

Categoria C/1 » RENDITA X 34
(negozi, botteghe)

Categoria D » RENDITA X 50
(fabbricati artigianali e industriali, alberghi, banche, ecc.)

Solo per quelli censiti. Per quelli non censiti in catasto, posseduti interamente da Impresa, viene determinato sulla base dei costi contabilizzati nel libro dei cespiti, opportunamente moltiplicati per i coefficienti di rivalutazione indicati annualmente con decreto ministeriale.

Le aree edificabili previste dal PRG vigente dovranno essere valutate sulla base dei valori commerciali vigenti al 1 Gennaio dell'anno in corso e comunque sulla base di prezzi unitari a mq. determinati dal Consiglio Comunale (C.C. n. 18 del 03.04.2007) pari ad E 30,00.

COME SI CALCOLA?

Valore dell'immobile moltiplicato per l'aliquota ICI deliberata dall'Ente per l'anno specifico, diviso 1000.

carica il regolamento ICI (PDF, apre altra finestra).

< Prec.   Succ. >
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 15 Giugno 2011 12:56 )
 

INFORMATIVA: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori infomazioni sui cookie utilizzati in questo sito guarda la nostra privacy policy.

Accetto l’utilizzo dei cookie su questo sito.

EU Cookie Directive